Living

L’Art Design ispira la Visionnaire Beauty Collection

22 Luglio 2020 -
DI Redazione

Una parola dal significato intenso e poliedrico, Beauty, selezionata per definire una collezione di arredi e accessori ispirata all'Art Design, in grado di incarnare il concetto di bellezza contemporanea, oltre a definire un orizzonte di positività e di aspirazione: Visionnaire Beauty Collection.

La costante ricerca tecnologica, la sperimentazione sui materiali, l’accostamento e l’impasto degli elementi, la mano degli artigiani: ecco le caratteristiche che definiscono l’identità di ogni singolo prodotto, rendendolo unico e irreplicabile seppur riproducibile.

Il Pavone

Una capsule collection dal design scenografico e dal forte impatto estetico: Pavone di Visionnaire, firmata dell'artista e designer Marc Ange. Declinata nelle versioni trono "haute couture" e poltroncine "prêt-à-porter", personalizzabili in sei varianti colore, la collezione è ispirata ai bestiari dei tempi antichi e alla bellezza fragile e seducente del pavone.

Il trono Pavone, realizzato come pezzo unico, è una sedia cerimoniale che esplora un’idea di seduzione senza compromessi. Con le sue piume coloratissime e selvagge, il pavone adotta un atteggiamento sfrontato e solenne di fronte ai potenziali pericoli. Questo uccello magnifico non si nasconde e non è in grado di difendersi: sceglie la forma a scapito della funzionalità e preferisce la vanità alla difesa. Il trono è realizzato con esclusivi tessuti Visionnaire verde e blu brillante e ottone con finitura bronzo.

Le poltroncine rappresentano una versione "prêt-à-porter" del trono: gli stessi tessuti brillanti utilizzati per il trono sono riproposti in una silhouette più agile e contemporanea.

Donovan

Tra gli imbottiti, Donovan di La Conca è un programma di sedute di grande modularità, dal design contemporaneo. Disponibile nella versione “square” con bracciolo squadrato e “roll” con bracciolo cilindrico. Nella versione “square”, il divano componibile è caratterizzato da un allestimento a doppia profondità: una con generosa seduta tradizionale, e una con un ulteriore spazio sul basamento dietro gli schienali attrezzato con piccoli moduli libreria rivestiti in pelle e dotati di ripiani in metallo e vetro e vassoi di cortesia in marmo con cornice in pelle.

Douglas

Il divano Douglas, disegnato da Alessandro La Spada, è caratterizzato da profili in metallo curvato nel basamento che sottraggano idealmente parte dell’imbottitura del bracciolo. Rivestito in pelle Nabuk, la seduta presenta le cuscinature e la Dormeuse declinate in Bansky, una delle inedite proposte tra i tessuti Visionnaire, caratterizzato da un morbido effetto “orsetto”. La collezione Douglas si completa con gli elementi poltrona, love chair, pouf e tavolino basso.

Petra

Alessandro La Spada firma anche la poltroncina Petra, scandita da una scocca imbottita semi-circolare, rivestita nel velluto Bansky dall’effetto “pelouche”. La continuità della curva dello schienale è interrotta nella parte centrale dall’inserimento di un elemento metallico verticale creando un effetto di pieno/vuoto. Le grafiche geometriche sono sottolineate ed enfatizzate dall’inserimento di profili metallici in acciaio lucidato che assumono una funzione di “separè” nello schienale, estetica e strutturale al tempo stesso.

Admeto

A completare la zona living il coffee table Admeto disegnato dall'Architetto Marco Piva, combinazione di diversi materiali contrastanti ma perfettamente integrati in una composizione quasi archetipica dell’architettura ma al contempo moderna e funzionale: i tre basamenti in acciaio e marmo, realizzati con una lavorazione a “stripes” e nati dall'unione della materia lapidea, che riveste la superficie esterna con lavorazione “folding” e dell’acciaio inox all’interno, contribuiscono a conferire un’impressione scultorea e monumentale contraddetta dalla trasparenza e dalla leggerezza del top in vetro fumè.

Arkady

Per la dining room Alessandro La Spada firma il tavolo Arkady, dallo scultoreo sotto piano in pietra artistica. Il piano in cristallo lascia infatti intravedere una lastra dalla forma organica in marmo lavorata manualmente per conferire a questo elemento un valore unico e prezioso, attraverso le lavorazioni in bassorilievo della pietra Crema Marfil, con bordi irregolari e la posa di resine artistiche e sale dell’Himalaya. Le gambe sono in metallo, lavorato mediante colata in sabbia, al fine di creare una trama tridimensionale con un effetto “martellato” dal rimando animalier. La natura si trasforma ed assume un’identità ibrida, frutto dell’incontro tra la sua stessa essenza e il talento artistico umano.

Amos

I designer Draga&Aurel firmano l'originale capsule Amos, un vero e proprio tavolo gioiello: due bracciali metallici lavorati mediante fusione in sabbia, dall’effetto lunare, si chiudono in un abbraccio intorno al basamento in cemento, versato in uno stampo armato e lavorato con un esclusivo trattamento di erosione. Anche la consolle e tavolo basso Lego sono caratterizzati dalla combinazione e contrasto di due materiali, trattati con finiture diverse. Prezioso e “grezzo”, oro lucido del metallo e nero opaco del cemento. Questo apparente ossimoro si traduce in un’unità con due anime.

Sputnik

Draga&Aurel disegnano anche le illuminazioni Sputnik, ispirate al retro-futurismo e composte da molteplici elementi romboidali che ne definiscono una composizione ad “origami” di metallo. Frutto di uno stile contraddistinto dalla contaminazione con il mondo della moda della Space Age, la lampada, chiamata come la celebre navicella spaziale, presenta linee suggestive a disegnare un  motivo frattale, in cui le superfici metalliche riflettono luci che proiettano ombre sceniche tutto intorno.

Osborne

L’Architetto Mauro Lipparini crea una boiserie, interpretazione sartoriale della parete attrezzabile, progetto libero, istintivo, non omologato e proveniente da un bagaglio lontano, ricco di tradizioni potenti ed eleganti ispirate al mondo africano. Declinata in Eucalipto Frisé, Osborne possiede infatti tutte le funzioni di una parete attrezzata liberamente componibile. Linee, piani curvilinei, gole, continuità, discontinuità, complanarità delle superfici, vengono sottolineate e scandite dalla linearità delle mensole, consentendo un gioco grafico di chiaroscuri e segni luminosi dalle gole tondeggianti. La boiserie è caratterizzata dall’alternanza di volumi a doppia profondità, circondati da elementi concavi e convessi.

«Mi piace l’idea di una cultura del sogno, dell’immaginario, dell’Africa profonda, una forza nuova, ispirazionale e magnetica. - spiega Mauro Lipparini - Segni e disegni che si e ci avvicinano ad una dimensione ancestrale, riscoprendo il piacere dell’unicità della diversità. Osborne è un progetto libero, d’istinto, non omologato e proveniente da un bagaglio lontano, ricco di tradizioni, costumi, usanze, scenografie potenti ed eleganti. E’ una nuova storian da esprimere in segni primitivi, in un nuovo modo, unico,n di raccontare l’arredo, nella sua forma più architettonica, la boiserie».

Desmond

Desmond, mobile gioiello da centro stanza, firmato sempre da Mauro Lipparini, esalta la percezione delle rotondità con l’assenza di spigoli, aumentando il senso di preziosità dei corpi vetrine. Il mobile centrale in Eucalipto Frisè, funge da pilastro per i volumi in vetro sospesi, che donano all’intera composizione una sensazione di leggerezza.

Aracea

Un progetto innovativo e romantico che combina la sua funzione di illuminazione, attraverso l’impiego di LED ultraslim, e la forma botanica con una linea sottile ed elegante: ecco la famiglia di lampade Aracea, disponibili nelle varianti cielo-terra, sospensione, tavolo o muro.

Ispirata nelle sue forme a una liana con grandi foglie ovali e cuoriformi, Aracea incarna una presenza delicata e al tempo stesso iconica, frutto di una riflessione sulla dicotomia naturale/artificiale come costante/variante del rapporto uomo natura. Le forme naturali si semplificano fino a diventare le componenti di un oggetto funzionale. La sorgente luminosa a led, come linfa vitale, passa attraverso la nervatura centrale della foglia producendo un tipo di illuminazione diretta, simulando i movimenti naturali di una foglia.

www.visionnaire-home.com

#HASHTAG