Bistrot

A cena nel giardino della Sila: il bistrot Tavola XXIII

09 Luglio 2020 -
DI Redazione

Uno spazio verde dove cenare accarezzati dalla frizzante brezza della Sila, respirando l'aria più pulita d'Europa: lo chef Antonio Biafora, in occasione della riapertura di Hyle Ristorante, ha inaugurato il bistrot Tavola XXIII, un concept all'aperto situato nel giardino del Biafora Resort a San Giovanni in Fiore.

Un nuovo format di ristorazione realizzato con il supporto di Studio Nua, giovane realtà creativa di Cosenza con cui lo chef collabora da tempo.

Da Tavola XXIII è possibile assaggiare alcuni dei piatti dello chef di Hyle, circondati da maestosi alberi secolari, godendo della pace di verdi boschi e della salubrità di un territorio che è patrimonio dell’intera nazione, dove sorge uno dei parchi nazionali più belli d’Italia. 40 sedute con tavoli distanziati di 2,5 metri e un menù divertente, agile e incentrato sugli straordinari prodotti del territorio.

Dagli antipasti, che vanno dai tipici silani a quelli più sfiziosi, come il Polpo, melanzana barbecue, pomodoro e caciocavallo, ai primi, tra cui, ad esempio, i Cavatelli peperone, rucola e ricotta affumicata e i Ravioli di ricotta, con porcini e tartufi estivi e finocchietto selvatico.

Carne e pesce della costa per i secondi, con l’Arrosto misto di maiale e patate ‘mpacchiuse, la Punta di petto di manzo, salsa teriyaki, sorbetto alla cipolla e verdure saltate e il Branzino, fagiolini, salsa anguria e menta. In menù anche la possibilità di scegliere hamburger, pollo fritto o pulled pork, anche da portare via (nel mese di agosto) in un cestino per un bucolico pic-nic sui prati della Sila.

Ad impreziosire la carta vi è poi una esclusiva selezione di 3 pizze stellate, firmate dagli chef Luca Abbruzzino, Caterina Ceraudo e Nino Rossi, chiamati a creare 3 ricette originali per Tavola XXIII. Abbruzzino dell’omonimo ristorante a Catanzaro ha ideato una pizza con pomodoro, fiordilatte, melanzana al barbecue, ‘nduja, ricotta salata e basilico, Caterina Ceraudo del Dattilo di Strongoli, a Crotone, ha abbinato al peperone arrostito le patate cotte sotto la cenere, basilico e menta e pecorino stagionato a scaglie, mentre Nino Rossi di Qafitz (RC) ha scelto la bufala calabrese, con cipolla in agrodolce, alici e scorza di limone.

Hyle

Hyle, invece, il progetto di fine dining strettamente legato alla Sila e all’intero territorio della Calabria, riapre con una nuova proposta di cucina basata sulla conoscenza storica e sulla cultura del luogo, in cui si incontrano materie prime e prodotti di piccoli allevatori locali, alta cucina e attenzione ai dettagli. Il Ristorante, dotato anche di un verdissimo giardino privato dove lo chef accoglie gli ospiti con i suoi creativi amuse bouche di benvenuto, presenta un menù di stagione in perfetto equilibrio fra tradizione e innovazione: tra gli antipasti spicca l’Animella glassata con il suo fondo, poggiata su melanzana e arricchita da un’emulsione di aglio e mandorla, oppure il Bianco su bianco, un quadro di fogli di seppia, con pesca ed emulsione di fondo di pollo. Una nota affumicata per il Petto di piccione, cotto nel barbecue con nocciola e semi di cardamomo verde, mentre la trota locale è alla base del piatto Trota, panna acida al sambuco e pistacchio.

Tra i primi, da menzionare i Bottoni di lepre e la sorprendente Pasta fredda, una stroncatura condita con emulsione di lardo e le sue erbette tipiche: cipollina, timo, rosmarino e pepe nero, servita a tavola con una grattata di ciliegie dell’orto. Pannocchie & pannocchie, invece, è uno spaghetto risottato in un fondo di cicale di mare, dette anche canocchie o pannocchie, e poi mantecato a crudo con la polpa delle stesse, completato con salsa di mais e servito con la ‘pannocchia di terra’, arrostita e condita con aglio, peperoncino, zenzero e scorza di limone. Tra i secondi, la storica Quaglia al barbecue e il Manzo glassato con salsa ottenuta dalle ossa e aceto giapponese, a cui si aggiunge midollo e scarola riccia, acciughe e olive da accompagnamento. In carta anche golose creazioni di piccola pasticceria e i grandi dessert, dalla Fragola fermentata al Gelato al rabarbaro zucca, mandorla e vaniglia.

www.hyleristorante.it

#HASHTAG