Bon ton

Matrimonio: chi provvede alle spese per il ricevimento nuziale?

28 Marzo 2019 -
DI Mita Luciani Ranier

L’organizzazione di un matrimonio porta spesso a una serie di domande che tutti ci poniamo. Innanzitutto stabilire un budget per capire come e dove orientarci è senz’altro il primo passo. E qui si pone l’inevitabile domanda: "Ma chi deve provvedere al ricevimento, lo sposo o la sposa?". Una regola ci sarebbe e affonda le radici nella notte dei tempi. La famiglia della sposa, infatti, si faceva carico solitamente del famoso corredo e del ricevimento nuziale. Oggi le cose sono un po' cambiate, anche se ancora sono in molti, soprattutto nel nostro Paese, a tenere a questa tradizione. Più semplice sarà dividere le spese in parti uguali, sia quelle destinate alla cerimonia che quelle per il ricevimento. Evitiamo la divisione millimetrica delle uscite, in altre parole quella sorta di "per i miei parenti e amici pago io", che molto spesso sento dire.

Mita Luciani Ranier

Biografia dell'autrice

Mita proviene da un’antica famiglia aristocratica, cresce in un ambiente dove l’etichetta e le regole del “saper vivere” non sono solo un insieme di precetti comportamentali, ma un vero stile di vita. Il suo lavoro nel campo delle Pubbliche Relazioni la spinge a voler condividere le sue competenze innate e acquisite in questo ambito. Prima in televisione, poi girando per l’Italia e all’estero, fino alla fondazione di Ieparome, International Etiquette and Protocol Academy of Rome. Lo scopo è quello di formare ragazzi, professionisti e non, che desiderano affermarsi professionalmente e personalmente.

Saper parlare in pubblico, gestire le situazioni conflittuali in ufficio, scegliere il proprio guardaroba, presentarsi correttamente ad un impegno di lavoro o preparare una tavola, sono situazioni alle quali facciamo fronte giornalmente. Accrescere le nostre competenze, significa poterle affrontare nel modo giusto e in maniera più disinvolta e naturale. Una risorsa in più per ognuno di noi.

ieparome.com

#HASHTAG