Vino

Roma incontra il Primitivo di Manduria

26 Settembre 2019 -
DI Redazione

Un viaggio sensoriale alla scoperta delle tre anime della più grande doc pugliese: lunedì 30 settembre nella capitale va in scena Roma incontra il Primitivo di Manduria, la kermesse promossa dal Consorzio di Tutela del pregiato vino in scena alla Città del gusto.

Primitivo di Manduria Dop, Primitivo di Manduria Dolce Naturale Docg e Primitivo di Manduria Dop Riserva: ecco le tre declinazione del rosso pugliese protagoniste dell'esclusiva degustazione firmata delle aziende del Primitivo di Manduria e curata dal Gambero Rosso.

A pochi passi da Villa Pamphili, la Puglia presenta dunque l’eccellenza del proprio territorio vinicolo, con circa 30 cantine coinvolte che offriranno al pubblico le proprie etichette di Primitivo di Manduria, con le DOP Primitivo di Manduria e Primitivo di Manduria Riserva e la DOCG Primitivo di Manduria Dolce Naturale, per un totale di circa 70 bottiglie in degustazione.

Ampio spazio sarà dato anche al food: durante la serata, infatti, due aziende pugliesi – Salumi Martina Franca e il Caseificio Masseria Madonna dell’Arco – proporranno le loro specialità in abbinamento con i vini presentati dai produttori, un'offerta gastronomica completata da un corner dedicato alla produzione di mozzarella live e dagli sfizi ideati dalla cucina dell’Academy di Gambero Rosso.

In contemporanea, dalle 19 alle 20, Marco Sabellico, curatore della guida Vini d’Italia, condurrà il seminario di degustazione e approfondimento insieme ai produttori delle cantine presenti.

«Il Primitivo di Manduria – spiega Mauro di Maggio, presidente del Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria - ha conosciuto in questi anni un successo crescente, frutto del lavoro delle singole cantine; ora è importante lavorare insieme per comunicare un’idea di qualità unitaria. Ecco perché occasioni d’incontro come la degustazione alla Città del gusto sono fondamentali: ci danno l’opportunità di arrivare a un pubblico ampio e qualificato, e trasmettergli il nostro messaggio».

La realtà del Primitivo di Manduria comprende attualmente una superficie totale di 3.140 ettari distribuita tra 18 comuni delle province di Taranto e Brindisi, con oltre 50 soci e circa 1000 viticoltori aderenti al Consorzio.

«Abbiamo la necessità di semplificare il messaggio - conclude di Maggio - il nostro vitigno ha ormai acquisito una buona notorietà, ora è importante comunicare il Primitivo di Manduria come top della piramide nella gerarchia della famiglia del Primitivo, promuovendo assaggi diffusi, rafforzando il marchio nei mercati internazionali che già ci conoscono e spingendo sulla comunicazione dove ancora c’è poca conoscenza dei nostri vini. Penso per esempio a Stati Uniti e Canada. Stiamo lavorando bene, c’è molta voglia di crescere insieme».

Le aziende del Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria partecipanti a Roma incontra il Primitivo di Manduria:

Mottura vini del Salento Pirro Varone Soloperto Vini Vigne Monache Cantine Paolo Leo Masseria Altemura Agricola Erario Cantine Lizzano Vespa Vignaioli per passione Cantina Pliniana Masseria Borgo dei trulli Cantine San Marzano Trullo di Pezza Cantolio Attanasio Varvaglione Claudio Quarta Vignaiolo Produttori di Manduria Vinicola Cicella Cantine Due Palme Terracalò Masseria Surani Masca del Tacco Vinicola Savese Pichierri Bosco Società Cooperativa Agricola Vigneti del Salento

www.consorziotutelaprimitivo.com

#HASHTAG