Ristoranti

Ristoranti: dal design una soluzione creativa per agevolare il distanziamento

18 Maggio 2020 -
DI Redazione

Mentre i ristoranti di tutta Italia si preparano ad affrontare il day 1 di apertura dopo il lockdown, in molti si domandano ancora come sia possibile assicurare, all'interno di spazi chiusi e di dimensioni non sempre generose, le giuste norme di distanziamento sociale tra i commensali, necessarie per evitare il contagio da coronavirus.

Tra misurazioni accurate per mantenere ogni tavolo distante almeno un metro dall'altro e antiestetici pelxiglas come centrotavola, una soluzione elegante e creativa giunge dal mondo del design, ad opera di Christophe Gernigon.

Proprio il decoratore d'interni francese, infatti, ha lanciato il progetto Plex'Eat, raffinate visiere protettive sospese in plexiglas dalla suggestiva forma a campana, concepite appositamente per cenare o bere un drink in totale sicurezza e assicurando al contempo il giusto grado di convivialità ricercato da chi vuole trascorrere una piacevole serata in compagnia.

«Ho immaginato, durante i miei pellegrinaggi creativi notturni in questi mesi di isolamento, un nuovo modo di accogliere i clienti di bar e ristoranti in cerca di uscite. - spiega il designer - Un'alternativa estetica, progettuale ed elegante che garantisca le regole del distanziamento sociale: è in questo spirito costruttivo e innovativo che ho immaginato il concept creativo di Plex'Eat».

Plex'Eat, il cui nome gioca sulle parole "Plexiglas" e "Eat", consiste appunto in una sorta di campana declinata in plexiglas calata dal soffitto, simile a un lampadario di design solcato da eteree trasparenze, in grado di circondare completamente la testa di ogni persona seduta al tavolo, aperta sul retro per facilitare l'ingresso ed evitare una sensazione di soffocamento. Una soluzione in grado di evitare possibili veicoli di contagio come il droplet e assicurando così la possibilità di trascorrere una serata al ristorante in piena sicurezza.

Un'idea nata, spiega Christophe Gernigon, pensando a una poltrona scoperta in un concept store in Asia: la seduta, sovrastata da una campana, permetteva a chi vi era seduto di ascoltare la musica in silenzio. «Ero preoccupato per i ristoratori, per questo ho pensato a un dispositivo che ci permettesse di trovare la convivialità attorno a un tavolo ma senza correre rischi», afferma il designer.

Per ora Plex’Eat è solo in una fase embrionale e non è ancora in commercio, ma ha già suscitato l'interesse di un industriale e potrebbe presto comparire sul mercato, a disposizione dei ristoranti in cerca di soluzioni sicure ma al contempo raffinate.

Immagini: © Christophe Gernigon Studio

www.christophegernigon.com

#HASHTAG