Abbinamento cibo-vino

Quale vino abbinare ai Tonnarelli Cacio e Pepe?

26 Aprile 2019 -
DI Luca Maroni

Ricetta tipica della tradizione culinaria romana, i Tonnarelli Cacio e Pepe sono un primo piatto cremoso e ricco di gusto, di facile preparazione e a base di ingredienti semplici, quali pepe nero e pecorino romano. Ma quale vino abbinare al prelibato piatto? Ecco i consigli dell'analista sensoriale del vino Luca Maroni.

Chianti Classico Gran Selezione 2015 Casale dello Sparviero

«In bocca questo vino è veramente una crema di nera uva di morbidezza favolosa. Il suo profumo di mora e di fiore, autentico trionfo d'aroma, vero portento della natura. Didattico il suo unire possanza a fragranza, rotondità a spessore, potenza a morbidezza e turgore. Tutti gli aspetti che qualificano l'eccellenza d'un rosso, in questo campione sono in pura polpa attualizzati. Così alla sua densa tannicità, perduta morbidezza si abbina. Alla sua carnosità di fibra, una suadenza del frutto di purezza cristallina è intimamente e cremosamente congiunta. E il lavoro della terra in campagna, quello tecnico, di trasformazione, in cantina, dall'uomo condotte con rispetto e capacità tali che il suo aroma è della suadenza massima, figlio di sole, concentrator focoso della sua sì possente ma espressiva e clorofillosa natura. E senza remore ci si abbandona allora alla sua sì naturale, prima, speziata, linfatica essenza di mora».

Rosso di Montalcino 2017 Da Vinci I Capolavori

«Le migliori gemme viticole ed enologiche italiane in versioni di puro valore sostanziale nella gamma Da Vinci I Capolavori. Vini dalle non comuni doti analitiche e quindi sensoriali, proposti in veste e nome di altrettanto mirabile, leonardiana, bellezza formale». Il Rosso di Montalcino, in particolare, racchiude potenza, classicità, eleganza in un armonioso susseguirsi di tratti di definizione sopraffina.

Alto Adige Chardonnay Riserva Doc Vigna Castel Ringberg 2016 Elena Walch

«Ai vertici del frutto regionale, nazionale, internazionale i vini di Elena Walch. In sostanza, vini di piacevolezza sensoriale universale data la qualità analitica della loro composizione». Lo Chardonnay Riserva Vigna Castel Ringberg, dal color giallo dorato brillante, sprigiona un bouquet complesso che spazia dai frutti esotici, tra cui la papaya, a mandorle tostate, con un accenno di miele di dente di leone e leggera tostatura. All’assaggio convince per il suo gioco di forza, freschezza e la struttura elegante, sottolineando la sua vena minerale e risaltando la sua cremosa freschezza e sapidità, chiudendo con un lungo finale fresco.

lucamaroni.com
#HASHTAG