Arredi Dining

Glass Design

31 Gennaio 2015 -
DI Bycam
oste-n2 Tavolo Oste - Walter Colico[/caption]

Trasparenze che si concretizzano nel tavolo Oste, disegnato da Walter Colico di  Colico Design, un perfetto connubio tra linguaggio moderno e classico, in cui si armonizzano le linee decise e nette del grande piano in metacrilato con quelle arrotondate delle gambe, realizzate con tecnologia di intaglio laser.Adatto a un utilizzo per ambienti interni ed esterni e disponibile in versione quadrata o rettangolare di dimensioni variabili.

[youtube url="http://youtu.be/hDJhhFy9gb8" width="700" height="400" autohide="0" fs="1" hd="1" rel="0" showsearch="0"]

Un miscelatore che rivela con la sua trasparenza tutta la vitalità dell’acqua e con la bocca d'erogazione superiore aperta l’essenza della sua non-forma. Lo stesso designer Philippe Starck spiega: Axor Starck V è una rivoluzione, dalla linea essenziale, totalmente trasparente, un vortice che rivela questa meraviglia della natura.Non solo estetica per il miscelatore prodotto dalla HansGrohe, ma anche funzionalità grazie al sistema Easy-Click-In e alla funzione Safety-Stop, che permette la facile estrazione del corpo trasparente e di pulirlo anche in lavastoviglie.Le sue quattordici finiture permettono di inserirlo in qualsiasi ambiente.

[caption id="attachment_13803" align="aligncenter" width="640"]Treforma di di Jason Philipps Treforma di di Jason Philipps[/caption]

Dalla personale concezione del designer americano Jason Philipps  di come un oggetto possa riflettere e trasmettere la luce, si concretizza nel Treforma Nesting Tables, un trittico di differenti dimensioni, sovrapponibili fino a formare una singola unità, minimale ed elegante. Il suo colore è determinato dalla rifrazione della luce, assumendo uno o più tonalità dell’iride a seconda dell’angolo di incidenza del raggio sulla lastra di vetro.Ogni modulo è formato da un’unica lastra di vetro curvato.Una soluzione intelligente salvaspazio, che permette di avere un tavolo diverso a seconda delle necessità.

[caption id="attachment_13805" align="aligncenter" width="640"]Collane di Carreiras Catarina Collane di Carreiras Catarina[/caption]

 Una visione di unione e appartenenza per le trasparenze di  Carreiras Catarina.  Vasi composti da due o tre elementi tra loro comunicanti, corredati da una catena d’oro utile per essere appesi

[caption id="attachment_13844" align="aligncenter" width="640"]Tavolo Lungolinea Adriano Design Tavolo Lungolinea Adriano Design[/caption]

Un tavolo innovativo e versatile, pensato per confrontarsi in una sfida Lungolinea di ping pong, ma che all’occorrenza diventa anche tavolo pranzo.Per Adriano design è stata davvero una bella sfida ridisegnare un tennis tavolo in vetro con le medesime caratteristiche tecniche di un campo regolamentare, riuscendo a vincere tutti i preconcetti di giocatori professionisti e dei più esigenti.La filosofia dello studio Adriano design, fondato nel 1997 dai fratelli Davide e Gabriele Adriano, si basa sulla rottura e reinterpretazione degli schemi progettuali, ricevendo numerosi premi internazionali tra cui il Compasso d’oro ADI 2014.

Dimensioni: L 274 x P 152,5

invs1

 

The Invisibles Light è una poltrona-scultura, presentata nel 2010 da Tokujin Yoshioka nella sua collezione ‘The Invisibles Collection’. La serie è stata realizzata da Kartell con la tecnica dello stampaggio industriale. Come questa poltrona l’intera collezione si caratterizza per il design squadrato e per l’eleganza rigorosa. La trasparenza del policarbonato lascia trapassare lo sguardo e dà la sensazione di essere sospesi nell’aria. 

[caption id="attachment_13808" align="aligncenter" width="640"]tostapane -Osman Can Ozcanli tostapane -Osman Can Ozcanli[/caption]

La trasparenza del tostapane, progettato dal designer Osman Can Ozcanli, permette di tenere sotto controllo la doratura delle fette.

 

La trasparenza è il risultato di un importante processo evolutivo, inscritto nel nostro DNA, che racconta la nostra mutazione. Siamo stati amebe, batteri, pesci, rane, scimmie, super-scimmie e non sappiamo cosa diventeremo, secondo linee di evoluzione nettamente definite e riconoscibili. Una di queste linee-guida è la smaterializzazione, ovvero la diminuzione della materia a favore dell’aumento dell’intelligenza delle cose prodotte dall’uomo. Oggi ci troviamo a vivere in una situazione di grande fragilità; lo squilibrio e l’instabilità dell’ecosistema fanno sì che la specie umana corra il rischio di scomparire nel futuro. Fatto alquanto straordinario, è la prima volta in cui possiamo veramente prevedere il nostro epilogo, misurarlo e confrontarci con la storia di civiltà passate, scomparse per cause ecologiche e di cattiva gestione delle risorse. Da questo punto di vista, la trasparenza - secondo un approccio che va oltre il significato puramente visivo - è l’effetto della scomparsa di tanti prodotti determinata dall’intelligenza umana, anche se molti altr ‘resistono’ perché non sappiamo ancora come eliminarli o sostituirli con un’ergonomia alternativa. Per esempio, ancora non abbiamo individuato le modalità per fare a meno dei mobili. Però è importante sensibilizzare la gente su quanto avverrà e un modo per farlo è assumere una metafora visiva della smaterializzazione. Non si tratta di una sfida ma del recepimento di una linea evolutiva chiaramente segnata.

Philippe Starck

di Eleonora Quadrana

#HASHTAG