Street Food

Cibo da strada made in Calabria: apre Forte Street Sud

03 Marzo 2020 -
DI Redazione

Sull’onda del successo di Forte – Terra, Sole, Passione, nato per far conoscere l'anima autentica della gastronomia calabrese a Roma e sorrto nel quartiere tiburtino, apre Forte Street Sud, il nuovo format ideato dal patron Giuseppe Marturano, che riscopre e ripropone l’autentico cibo da passeggio calabrese.

Rispetto al capostipite Forte, un locale dedicato insieme a ristorazione, pizzeria e gastronomia tipica, l’esperimento di via Catania 94, a due passi da Piazza Bologna, definisce un format più agile e contemporaneo, imperniato su un’offerta gastronomica meno estesa, con alcune importanti new entry e chicche culinarie tutte da scoprire.

In comune le due realtà hanno sicuramente l’attenzione per la qualità e l’autenticità delle materie prime, offrendo prodotti artigianali realizzati in larga parte da piccole aziende locali calabresi, che, dopo un lungo e approfondito lavoro di ricerca sul territorio, vengono selezionati e “importati” nella Capitale. Farine di grani antichi, salumi e formaggi tipici, prodotti sott’olio, birre artigianali, una lunga lista di piccole produzioni, in buona parte sconosciute, tutte da scoprire e assaporare nelle gustose ricette di Forte Street Sud.

Il menù si articola in quattro sezioni principali, a partire dai panini integrali, proposti in alcune versioni ispirate alla tradizione calabrese, oppure componibili a scelta, abbinando tra loro ingredienti singoli d’eccellenza.

Tra le novità spicca poi Lestopitta, una sorta di sottile piadina a base di farina, olio e sale, fritta nell’olio bollente, fino a diventare croccante e poi farcita a piacimento. Un tipico e antico cibo di strada originario dell’area grecanica dell’Aspromonte, riscoperto e declinato da Forte in una serie di varianti farcite con alcune delle produzioni gastronomiche più interessanti della regione: dal capocollo al pecorino di Monte Poro, dalla ‘nduja alla provola silana, dalla cipolla di Tropea alle melanzane sott’olio.

Altro prodotto tipico della tradizione è poi la Pitta Chjina, ovvero la focaccia al forno farcita, anche in questo caso realizzata in 6 varianti speciali, derivate dalle antiche tradizioni contadine della terra dei Bruzi.

Specialità tutte preparate impastando le farine artigianali di Mulinum – Il primo mulino dei contadini – coraggiosa realtà imprenditoriale nata nel 2016 in Calabria grazie ad un crowfunding lanciato su Facebook e punto di riferimento di un’ampia filiera agricola specializzata in grani antichi. Grazie alla ruota idraulica che fa funzionare le macine, utilizza solo energia rinnovabile per lavorare i cereali, proprio come si usava fare 100 anni fa.

Altro capitolo del menù sono poi i fritti tipici del cartoccio calabro, con le zippule, nella versione con alici o a base di ‘nduja, le curude i patati, impastate con farina e patate e fritte nella tipica forma a ciambella, supplì alla ‘nduja, vecchji, vrascioli, frittelle e peperone crusco.

Spazio poi ai dessert, con golosità come i tartufi di Pizzo, e alle bevande, con birre artigianali e vini calabresi, otre ai prodotti destinati alla vendita diretta, come le conserve, i sott'olio, il pomodoro e tante altre chicche gastronomiche, selezionate direttamente nelle campagne calabresi, presso piccole aziende agricole familiari.

Forte Street Sud si rivela dunque un progetto che affonda le proprie radici nella storia di alcuni territori troppo spesso trascurati, anche dal punto di vista gastronomico, ma che tenta al contempo di rilanciare certe tradizioni secolari in un contesto urbano e contemporaneo, votato sempre di più all’istantaneità della fruizione.

www.staiforte.it

#HASHTAG