Cucine

Gioco di pieni e vuoti: la cucina K-Lab di Ernestomeda

26 Agosto 2019 -
DI Redazione

Una cucina caratterizzata da un'eleganza informale e da un'attenta cura dei dettagli, incorniciate in un suggestivo gioco di rimandi tra luci e ombre e volumi pieni e vuoti, alternati in una danza dinamica, rispondendo a esigenze funzionali in linea con un design innovativo, materiali tecnologici e soluzioni originali: K-Lab di Ernestomeda.

Disegnata da Giuseppe Bavuso, la cucina a isola K-Lab si veste di accattivanti materiali e finiture, come nel caso dell'inedita variante in legno Rovere Nordic per le basi e Marmo Calacatta oro per il top.

K-Lab adotta un linguaggio stilistico dinamico e lineare e trae diretta ispirazione dai grandi banchi da lavoro degli ambienti industriali. Tra i suoi elementi distintivi, i sistemi a giorno modulari, come le basi giorno K-System, la cui struttura può essere accessoriata con attrezzature estraibili o fisse; l’anta telaio spessa 28 mm e il sistema di ante telaio per vetrine con cerniera a scomparsa, dotato di un profilo in alluminio disponibile nelle finiture Metallix o nei colori laccati dell’intera gamma Ernestomeda.

Inoltre, K-Lab è stata arricchita di nuovi elementi e particolarità e può essere personalizzata con inediti e pregiati materiali, come l'affascinante finitura per interni Metalgrey, da impiegare per basi, pensili e altri elementi, la luminosa Metallix Acciaio Platinum o il materico laccato opaco Flat Matt Grigio Nuage. New entries anche nelle varianti legno, che si arricchiscono di nuovi impiallacciati – oltre al Rovere Nordic, anche il Rovere Nero poro aperto – e nella gamma di Stone+, marmi, graniti e pietre, tra cui spiccano lo Stone+ Cervino Tarmac in finitura bocciardata, il Marmo Sky Grey in finitura semilucida e il già citato Marmo Calacatta oro in finitura levigata opaca.

www.ernestomeda.com

#HASHTAG