Dining & Living

La forza del design: le collezioni Arketipo Firenze

08 Ottobre 2019 -
DI Redazione

Un design dominante e prorompente che ambisce al bello senza compromessi, oltre ogni orpello, in grado di comunicare uno stile forte e ambizioso, emblema della ricerca estetica e progettuale del brand: le collezioni Arketipo sbarcano in Asia al Salone del Mobile Milano Shanghai, puntando a conquistare uno dei palcoscenici internazionali più strategici.

In uno spazio espositivo essenziale, dove cemento e luci valorizzano senza invadere, brilleranno i pezzi d'arredo Arketipo, caratterizzati da intrecci di pelle realizzati a mano, pattern esclusivi e cuciture preziose.

Starman design by Ludovica+Roberto Palomba

La serie di arredi per il living Starman, così chiamata in omaggio a un pioniere della sperimentazione musicale come David Bowie, si ispira proprio alla incessante ricerca e curiosità del celebre artista inglese, la medesima che anima i designer Ludovica+Roberto Palomba.

Una collezione di divani ed elementi modulari dal carattere deciso e grintoso, che inverte l’ordine naturale degli elementi per creare qualcosa di nuovo e dirompente. «Se Bowie giocava con un crescendo di giochi e parole liriche, Starman gioca con forme scultoree potenti, quasi scolpite e smussate nei profili, progettate per imporsi nello spazio. Schienali ribassati, linee curve e l'illusione di uno spazio fluttuante: è qui che il design si impone contro le norme, cercando il carattere e il suo unico equilibrio».

Nascar design  by Leonardo Dainelli

Leonardo Dainelli firma la poltrona Nascar, dal design confortevole e dal carattere inconfondibile. Linee iperdefinite, braccioli curvati, solide gambe: elementi in grado di trasmettere un senso di sicurezza e intimità, esprimendo al contempo un design raffinato ed elegante.

Amy design by Giuseppe Viganò

Omaggio al celebre design degli anni ‘70, Amy è una sedia eye-catching dalla struttura a sbalzo che sembra farla galleggiare, caratterizzata da uno studio attento di ogni curvatura per assicurare il comfort avvolgente di schienale e seduta. I braccioli, sottili e ben definiti, contrastano e completano la base originale e di grande impatto.

Prince design by Giuseppe Viganò

Concepito per offrire un luogo autentico dove incontrarsi, parlare, mangiare e condividere emozioni, il tavolo da pranzo Prince di Giuseppe Viganò presenta una base imponente e raffinata, frutto di un’estetica articolata. «Dal punto di vista formale ricorda il focolare, agorà di incontri e dialoghi. Autentico inno alla convivialità e dichiarazione di social living, Prince annulla ogni distanza con gli ospiti e fa di ognuno il benvenuto».

Eclipse design by Mauro Lipparini

La texture a contrasto sulla parte superiore del piano ricorda le forme e le cromie tipiche di un’eclissi: da questi particolari deriva il nome del tavolino Eclipse disegnato da Mauro Lipparini. «Astrazione ed organicità, apparentemente due mondi contrastanti e antitetici, diventano armonica espressione di coesistenza. Le forme geometriche del piano, l’estetica fatta di luci ed ombre, di opacità e matericità, creano un’atmosfera di estrema eleganza».

www.arketipo.com

#HASHTAG